È passato oltre un mese da quel 2 luglio quando Niccolò Bettarini veniva accoltellato fuori da una discoteca di Milano. La sua “colpa”? Aver aiutato un amico ed essere stato riconosciuto come “il figlio di Simona Ventura e Niccolò Bettarini”. Per poco non ci ha rimesso la pelle. Un’aggressione che ha sconvolto l’Italia e che ha preoccupato i suoi genitori. Adesso che il peggio è passato, Niccolò Bettarini ha tolto il tutore che gli fasciava un braccio e ha mostrato sui social le cicatrici di quelle coltellate.

Diversi, infatti, i segni sul fianco: “Ribellati, ribellati ancora finché gli agnelli non diventeranno leoni” ha scritto il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini che sta provando a superare questo difficile momento. Come saprete, infatti, è stato sottoposto a un delicato intervento e a un periodo di riabilitazione. Ora si sta concedendo un po’ di vacanze al mare a Viareggio insieme al padre e proprio su Instagram ha pubblicato alcune foto in costume dove si vedono le ferite delle coltellate. Queste le sue parole:

Vivi come se dovessi morire domani, impara come se dovessi vivere per sempre.

Sia lui che la sua famiglia chiedono che venga fatta giustizia e che i responsabili vengano tutti individuati e puniti.