E’ uscito il nuovo album di Giovanni Pellino, in arte Neffa: 13 pezzi inediti, autobiografici e scritti interamente dall’artista, che a due anni dal fortunato “Molto Calmo” (contente tre singoli certificati oro), torna con “Resistenza“. Si tratta di un disco profondo, introspettivo, in cui ogni brano fotografa momenti di vita vissuti: “La mia Resistenza è soprattutto un grido di umanità“, ha spiegato l’artista, che ha dichiarato di ritrovarsi “completamente asservito alla musica“. “La mia ‘Resistenza’ è un grido di protesta al quale vado pensando da tempo. Viviamo in un mondo tecnologico dove tutto è bellissimo, ma sforziamoci di pensare anche all’umanità” sostiene Neffa. Così è nato “Resistenza”, un lavoro da studio, composto da tredici brani “popolari”, come li ha definiti lui stesso, dalle sonorità gioiose, tra soul e Rhythm & Blues. Per quanto riguarda le tematiche, sono invece quelle che gli stanno sempre a cuore, intime, personali, ma anche universali. “In questo lavoro ci ho messo l’anima e spero davvero possiate apprezzarlo”, ha scritto qualche settimana fa sulla sua pagina Facebook.

Questo album – ha spiegato Neffa – è nato in tre momenti diversi, è stato voluto molto ed è nato di istinto, di pancia, proprio come Sigarette” singolo che ha anticipato l’uscita del nuovo disco ed è subito divenuto uno dei tormentoni dell’estate, anche se l’artista si rifiuta di definirlo tale.

Questa la tracklist completa di “Resistenza”: 01. “Resistenza”, 02. “Colpisci”, 03. “Un piccolo ricordo di Maria”, 04. “Sigarette”, 05. “Per fortuna c’è il mare”, 06. “Dubai (Why, Oh Why)”, 07. “Twit”, 08. “Occhi chiusi”, 09. “Realtà”, 10. “Lampadine”, 11. “Catalogo”, 12. “Ma Jolie”, 13. “Giorni e giorni”.

Tra i progetti futuri, non è da escludersi ora una nuova partecipazione al Festival di Sanremo. “Me lo propongono spesso – ha detto il cantautore – e rispetto a gestioni precedenti quello di Carlo Conti è un Festival che nasce davvero dalla passione per la musica”. Staremo a vedere.