Profonde più di trenta metri e antichissime come quelle di Roma, che risalgono al II secolo d.C., abbellite da preziosi mosaici, come quelle di San Gennaro a Napoli o Sousse in Tunisia, immense e in parte inesplorate, come quelle di Parigi oppure affrescate, come quelle di Malta: sono le catacombe, straordinarie sepolture sotterranee che da sempre hanno appassionato visitatori e ispirato artisti, da Victor Hugo che proprio nel ventre della capitale francese ambientò il suo Les Misérables ai registi contemporanei che tra i loro labirinti di cunicoli bui dove manca l’aria e regna la morte hanno dato vita a horror e thriller claustrofobici come Tunnel di Carlo Ledesma, Catacombs di Tomm Coker e David Elliot o The Descent di Neil Marshall.

Proprio l’ossario sotterraneo di Parigi, con i suoi 200 km di gallerie che danno dimora ai resti di oltre 6 milioni di persone, è stato scelto da John Dowdle (Full moon rising, The dry spell, Quarantine) come set dello spaventoso Necropolis – La città dei morti (As Above, so Below), in uscita nelle sale giovedì 11 settembre (guarda qui il trailer del film). Questo horror found footage a metà fra Indiana Jones e Dan Brown ha come protagonista Scarlett, una giovane e volitiva archeologa alla ricerca con un gruppo di amici della pietra filosofale creata dall’alchimista Nicholas Flamel. Mentre cercano la preziosa reliquia, i ragazzi si trovano ad affrontare il loro passato che mostruosamente riemerge dal tempo e dalla terra.

Nel cast Perdita Weeks (The Invisible Woman), Ben Feldman (Cloverfield), Edwin Hodge (The Purge); la prima, smessi gli abiti vittoriani di Lost in Austen, si è dichiarata felicissima di vestire quelli di una donna determinata e indipendente come Scarlett, a metà fra Lara Croft e una Bond girl.

Nella clip in esclusiva per Leonardo.it, Scarlett e George si imbattono in un oggetto molto particolare che non avrebbe dovuto trovarsi in quell’oscuro labirinto di anime. Mentre strisciano su cumuli di ossa alla sola luce dei caschi, in stile guerriglia, i giovani esploratori scivolano nella follia e nella paura.

Publiredazionale