Non potrebbe esserci momento migliore per Natalie Portman, in questi giorni alla Mostra del Cinema di Venezia. La celeberrima attrice israeliana è infatti incinta del coreografo francese Benjamin Millepied, sposato nel 2012: si tratta del secondo bambino dopo il piccolo Aleph.

La conferma è arrivata a seguito della sua sfilata sul red carpet del Festival: in molti, notando un pancione sospetto evidenziato dal bellissimo abito bianco che la fasciava, hanno subito iniziato a fare congetture e così è arrivata in men che non si dica la conferma.

Ma in questi di giorni di polemiche sul Fertility Day urge ricordare che l’altro motivo della felicità di Natalie Portman risiede nella calorosa accoglienza che la critica ha destinato a Jackie, il film del regista cileno Pablo Larrain, ormai una garanzia, di cui l’attrice è protagonista.

La pellicola, di sicuro una delle favorite alla corsa per il Leone d’oro, racconta i preparativi di Jackie Kennedy per il funerale del marito, John Fitzgerald, barbaramente assassinato a Dallas. La Portman è praticamente in ogni inquadratura del film, e i giornalisti hanno lodato il modo in cui l’attrice non si lascia andare a facili sentimentalismi o psicologismi d’accatto mantenendo al tempo stesso forza e sfumature nella sua interpretazione.

Facile pensare che la sua prova possa portarla a vincere il secondo Oscar dopo la statuetta guadagnata per Il cigno nero.

L’attrice ha dichiarato di non essersi mai troppo interessata a Jackie, ma di aver trovato molto commovente il modo in cui è riuscita a conciliare pubblico e privato e a diventare un simbolo per l’intera nazione, proprio nel momento più difficile e doloroso della sua vita.

La Portman ha studiato leggendo tutte le biografie sul suo conto, e riflettendo sul suo modo di vivere e l’educazione ricevuta, nonché copiando il modo in cui si muoveva e in cui parlava, con quell’accento molto particolare. Ma nessun incontro con chi la conosceva, perché il lavoro fatto dal film è più sull’immaginario che sul realismo.

Meno apprezzato invece Planetarium, il thriller fuori concorso di cui è protagonista insieme a Lily-Rose Depp, la figlia di Johnny Depp. Ma in fondo non si può avere tutto e sarebbe saggio non eccedere con le emozioni, visto lo stato interessante dell’attrice.