Nel 1950 Rick Hall, compiendo un gesto rivoluzionario per la politica razziale dell’epoca, fonda i Fame Studios nella città di Muscle Shoals, Alabama, e riunisce alcuni tra i migliori musicisti del periodo per formare gli Swampers, una delle sezioni ritmiche più celebrate nella storia della musica.

Composti da Barry Beckett, Roger Hawkins, David Hood e Jimmy Johnson, e poi noti sopratutto come The Muscle Shoals Rhythm Section, questi artisti, dopo aver raggiunto un successo incredibile in tutto il mondo, nel 1969 decidono di abbandonare i Fame Studios per creare un proprio studio di registrazione, i Muscle Shoals Studios, una vera e propria mecca per tutte le celebrità musicali, la cui leggenda continua fino ai nostri giorni.

Tra i tanti che hanno prodotto i loro capolavori tra le quattro mura dello studio troviamo Cher (che diede anche il nome dell’album all’indirizzo dell’edifico, 3614 Jackson Highway) i Rolling Stones, i Traffic, Elton John, Boz Scaggs,Willie Nelson, Paul Simon e Bob Dylan.

Nel documentario diretto da Greg “Freddy” Camalier si susseguono interviste, musica, esibizioni dal vivo (compresa una nuova registrazione di Alicia Keys in studio di un brano di Bob Dylan originariamente registrato a Muscle Shoals), e la magia di un luogo unico al mondo. Tra gli intervisti Gregg Allman, Bono, Clarence Carter, Mick Jagger, Etta James, Alicia Keys, Keith Richards, Percy Sledge e molti altri.