Stefano Accorsi, protagonista del film “L’Arbitro”, è il primo ospite della Mostra internazionale del cinema di Venezia.

L’attore è giunto al Lido a bordo di un motoscafo per l’apertura delle “Giornate degli Autori” che si terrà questa sera.

“L’Arbitro”, film di Paolo Zucca, è una commedia in bianco e nero (nelle sale a partire dal 12 settembre), racconta le vicissitudini di due squadre della terza categoria sarda (L’Atletico Pabarile, solitamente posizionato infondo alla classifica, sta conducendo un campionato sorprendente grazie all’audacia di un nuovo calciatore, Il Montecrastu, invece, è una squadra ricca, guidata da una sorta di fazendero). Al centro del film il percorso professionale di Cruciani (interpretato da Stefano Accorsi), ambizioso arbitro ai massimi livelli internazionali (Foto by InfoPhoto).

Il film nasce dall’omonimo cortometraggio che vinse nel 2009 il “David di Donatello” e il premio speciale della giuria a Clermont-Ferrand, il più importante festival del cortometraggio europeo. “Nel film il registro epico e quello grottesco coesistono e talvolta si alternano in maniera imprevedibile – ha spiegato il regista -. Ho scelto di usare il bianco e nero anche per ottenere il grado massimo di astrazione dalla realtà e dal tempo, per evitare che il film venga percepito come una rappresentazione oggettiva del mondo del calcio o di un particolare contesto geografico”. 

Stefano Accorsi in un’intervista a “Repubblica” ha dichiarato: “Il film è una ballata in bianco e nero, un po’ western un po’ musical. Un atto d’amore per il calcio, un film sulla liturgia di questo sport in cui gli appassionati si ritroveranno. Il senso di sacralità, i rituali vengono dal reale, nel film li abbiamo solo accentuati”.

A voi il trailer: