Un lutto nel cinema per la morte di Patrick Macnee, l’attore scozzese che aveva 93 anni, è diventato famoso per aver interpretato nella serie degli anni ’60 The Avengers l’agente segreto John Steed. La serie in italia è andata in onda con il titolo “Agente speciale” e il ruolo di Macnee era quello del protagonista di una delle serie britanniche cult di quegli anni.

Sempre per la televisione l’attore britannico ha lavorato in “Alfred Hitchcock presents” del 1955, “Gli infallibili tre” del 1977.

Per quanto riguarda il cinema lo troviamo in molti film di successo da “Lo schiavo dell’oro” di Brian Desmond Hurst del 1951 a “Les Girls” di George Cukor del 1957 da “007- Bersaglio mobile” di John Glen del 1985 a “The Avengers – Agenti speciali” diretto da i Jeremiah S. Chechik nel 1998.Da ricordare anche la sua apparizione nel film 007 “A view to a kill” come spalla di Roger Moore.

Non manca la presenza dell’attore a teatro dove ha partecipato a più di 150  commedie in oltre cinquant’anni di carriera.

L’attore che in ogni sua uscita pubblica indossava il cappello a bombetta e l’ombrello da vero gentleman si è soento nella sua casa di Rancho Mirage in California per cause naturali. La sua era l’eleganza della sobrietà che ha sempre attuato, non è mai stato coinvolto in scandali o pettegolezzi ma la sua discendenza nobile lo ha fatto divenire uno di quegli attori che della misura hanno fatto il loro segno distintivo.