E’ morto a 71 anni Curtis Hanson, regista di “8 Mile” con Eminem e Oscar alla sceneggiatura del film “L.A. Confidential”. Stando alle prime informazioni trapelate, Hanson sarebbe morto per cause naturali nella sua abitazione a Hollywood. Cresciuto a Los Angeles ma nativo di Reno in Nevada, Hanson lasciò la scuola per dedicarsi alle sue passioni. Lavorò, infatti, come fotografo, scrittore e redattore per riviste di cinema. “In un certo senso è stata quella la mia scuola di cinema” dichiarò in una vecchia intervista del 2002. Poi la svolta da regista.

Il successo di Curtis Hanson

Dopo qualche anno Hanson iniziò a sceneggiare e poi a dirigere alcuni film nei primi anni ’70; il successo arrivò vent’anni dopo, nel 1992, grazie a ”La mano sulla culla” con Rebecca De Mornay nei panni di una tata in cerca di vendetta.

I film di Curtis Hanson

Tra i suoi film più celebri spiccano “Sensualità morbosa” del 1974, “Un week-end da leone – Una gita da sballo” (1983), “La finestra della camera da letto” (1987), “Cattive compagnie” (1990); il successo arriva nel 1992 con “La mano sulla culla”, a seguire – due anni dopo – “The River Wild – Il fiume della paura”. Nel 1997 è la volta di “L.A. Confidential”, nel 2000 di “Wonder Boys”. Più recenti i film “8 Mile” (2002), “In Her Shoes – Se fossi lei” (2005), “Le regole del gioco” (2007), “Too Big to Fail – Il crollo dei giganti” (2011) e “Chasing Mavericks” (2012).