In diretta Facebook Morgan torna ad attaccare Amici di Maria De Filippi definendolo un lager per i ragazzi: Maria risponde alle accuse dell’ex coach della squadra Bianca non entrando nel merito ma difendendo il suo programma dal fango gettato da Castoldi. Mentre su Canale 5 andava in onda l’apatica finale di Isola dei Famosi su Facebook Morgan ha realizzato una diretta chiamata Nemici di Marco Castoldi dove ha attaccato pesantemente la produzione del programma di Canale 5 chiamandoli “cattivoni” e ritenendo colpevole Mediaset “dell’abbasemento culturale del paese degli ultimi 20 anni”. Morgan presenta Amici come un luogo orribile e dice: “Questi cattivoni pensano solo agli spot pubblicitari. Non pensano ai talenti. Quando i ragazzi sono là dentro, fanno come gli schiavi nei galeoni. Non ci sono strumenti didattici, non ci sono didatti. Non c’è nulla. L’obiettivo dei ‘cattivoni’ è plagiare, tenere sotto controllo tutto.”

Pesantissime le accuse dell’ex Bluvertigo verso la produzione del programma e definisce gli studi di Amici un lager:   “è un lager, una specie di film horror in cui non sono rispettate le fondamentali regole dello stare civile. Lì c’è schiavitù, manipolazioni di minori. Come li chiamiamo? Gli zombie talent. Sin dalla prima puntata ho percepito questo clima stranissimo. Ho percepito un’insolente aggressività nei miei confronti, contraddistinta da pregiudizi. Era una battuta di un copione, non uno scaturire di un accadimento.”

Dopo aver dichiarato alle gazzette, non più di 15 giorni fa, la libertà e l’innovazione trovata ad Amici in questa diretta Facebook Morgan afferma l’esatto contrario:” Amici è un cimitero di idee. Le loro sono morte da un pezzo, quelle degli altri vengono uccise molto prima che possano essere condividere. Ecco perché lì vige la paura, vige la tristezza, vige il grigiore. Mediaset è responsabile dell’abbassamento del livello culturale che abbiamo avuto in questo nostro paese e sono entrato per capire in che cosa consiste questa pessima missione, non so neanche come chiamarla. In questi uffici, senza foto, senza piante, le sale prova senza pianoforte. Non è che non ci sia arte, perché per avere l’arte ci vorrebbe la vita prima e lì non c’è la vita. (…) una capatina dovrebbe farcela un assistente sociale per verificare le condizioni psichiche dei ragazzi”.

Maria De Filippi, conduttrice e produttrice di Amici, non entra nel merito delle dichiarazioni fatte da Morgan che probabilmente verranno citate in giudizio presso qualche procura della Repubblica e risponde dando la sua versione dei fatti difendendo le tantissime professionalità che operano nel principale talent di Mediaset dicendo: “Fino ad ora resisto nell’intento di non farmi influenzare dalle nefandezze che, come da altri previsto, sono uscite puntualmente dalla bocca di Morgan. Continuo a pensare a lui come ad un uomo pieno di doti elevate e rare e non voglio mortificare la mia intelligenza, entrando in ‘lite’ e stilando una lista di accuse. Annoierei chi le cose già le sa e mi direi da sola alcune ovvietà tipo ‘non lo sapevi prima di invitarlo che Morgan dà sempre fuoco a tutto, per il solo gusto di farlo?’. Sì, lo sapevo e, come detto, ho sbagliato a credere che dandogli la libertà potesse trovare finalmente modo di far conoscere se stesso e le cose che sa. A me piacciono e avrei voluto condividerle. Poi però non mi va che nel fango ci finiscano i programmi, chi ci partecipa, il pubblico o i tanti che ci lavorano. Questo è il mio lavoro. Non scrivo poesie, non faccio musica, non suono nessuno strumento, ma non per questo mi sento colpevole.

E mentre ribadisco che non faccio tante belle cose non faccio nemmeno quello di cui annaspando Morgan ci accusa. Una settimana fa dichiarava coram populo che Amici è la libertà, che ad Amici ha potuto fare quello che da nessun’altra parte in precedenza aveva mai ottenuto di poter fare e poi ieri invece gridava al complotto, alla macchinazione e alla manipolazione. Noi il male, lui il bene. Però noi siamo sempre noi e qualcosa non torna. Spero tanto di non ritornare più su questa storia. I ragazzi ‘manipolatissimi’ hanno avuto un incontro con le agenzie stampa nazionali e hanno raccontato quello che volevano e come volevano, rispondendo a tutte le domande. Io non andrei oltre e auguro a tutti tanta serenità.”

Nessuna ufficializzazione su chi sostituirà Morgan nella direzione artistica della squadra bianca anche se i concorrenti già hanno conosciuto il nuovo coach.

Morgan su Facebook attacca Amici: “li dentro è un lager” VIDEO

Il video integrale della diretta Facebook dove Morgan attacca Amici di Maria De Filippi