Quest’anno il consueto appuntamento televisivo con il Festival della canzone italiana, che giunge alla sua 62esima edizione, sguaina in anticipo la spada annunciando la presenza sul palco del teatro Ariston di Adriano Celentano.

Per molti personaggio sopravvalutato, cantante ed attore italiano di successo soprattutto durante il boom dei primi anni “80, e da sempre convinto che la sua opinione, se diffusa attraverso il media della televisione, sia in grado di mutare quella pubblica, voto politico incluso, è noto anche per il fatto di centellinare le sue apparizioni Tv.

Per ciò che riguarda la prossima manifestazione nazionale ospitata dalla famosa città ligure, il direttore artistico ha dichiarato che a Celentano sarà data carta bianca.

Gianmarco Mazzi, che cura in qualità di direttore artistico lo spettacolo Rai più seguito dagli italiani, ha affermato di non sapere ancora se il “molleggiato” parteciperà dal 14 al 18 febbraio – in questi giorni cade l’appuntamento con Sanremo – o solo il 14 o magari solo in chiusura.

Il Festival, a proposito della cui produzione si è sentito mormorare di un notevole taglio di budget, durerà in ogni caso cinque serate come è sempre stato.

E per ciò che riguarda il cachè di Adriano Celentano, Mauro Mazza (direttore di Rai uno) ha parlato di trattamento economico pari alle altre star internazionali che interverranno.