Non sarebbe una vera edizione di Miss Italia senza una polemica. Quest’anno le discussioni maggiori hanno riguardato Paola Torrente, la concorrente “curvy” classificatasi al secondo posto dietro la nuova regina di bellezza nazionale Rachele Risaliti.

Nonostante l’ottima seconda posizione ottenuta a Miss Italia 2016, purtroppo Paola Torrente ha dovuto subire anche parecchi commenti negativi e insulti sui social e non solo. Alcune parole molto offensive sono arrivate dall’agente della prima classificata.

Durante i festeggiamenti per l’elezione di Rachele Risaliti come Miss Italia 2016, il suo agente e impresario Giovanni Rastrelli avrebbe detto: “Questa è la prova che gli italiani non vogliono ‘ste cazzo di curvy!”.

Un commento parecchio negativo a questo insulto è arrivato da Elisa D’Ospina, celebre modella curvy che si è sempre battuta in difesa della categoria delle donne formose. Attraverso la sua pagina Facebook, Elisa ha commentato l’edizione di quest’anno di Miss Italia scrivendo: “Una bellissima edizione con una squadra molto affiatata. Mi chiedete se sono felice del risultato raggiunto? Beh in parte. Se da un lato abbiamo scritto la storia portando una bellissima donna formosa al secondo posto, dall’altra parte mi ritrovo una Miss che dichiara che sua madre le dice che è fortunata a non avere i fianchi larghi e la stessa madre interviene in diretta dicendo che le curvy dovrebbero gareggiare in una categoria a parte, e un agente del concorso (Giovanni Rastrelli) che al momento della proclamazione fa una diretta dove “qualcuno” urlando afferma: “Questa è la prova che l’Italia non vuole ste CAZZO di curvy”, capite che da stare allegri c’è gran poco. Il problema è l’ignoranza irrecuperabile che c’è in questa società e il danno peggiore è che tutto ciò non arriva da ragazze di 20 anni, ma da adulti”.