Non ha pace Clemente Russo dopo la squalifica dal Grande Fratello Vip. Il pugile, infatti, avrebbe offeso le donne e in particolar modo Simona Ventura che sarebbe pronta a trascinarlo in tribunale. Russo, dopo essere stato rimproverato in diretta da Ilary Blasi e Alfonso Signorini, e dopo essere stato attaccato dai social network e dalla stampa, è stato difeso da alcuni concorrenti della Casa oltre che dalla moglie. Quest’ultima è intervenuta a “Verissimo” per raccontare lo stato d’animo di Clemente Russo il quale, negli ultimi giorni, avrebbe “pianto tantissimo”. 

Clemente Russo squalificato dal Grande Fratello Vip

Ma c’è di più. Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, che aveva chiesto al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di intervenire per valutare il comportamento del pugile Clemente Russo, domani sera parlerà a “Matrix” su Canale 5: “Il problema è molto semplice: Clemente Russo è un poliziotto penitenziario. La polizia penitenziaria è la polizia delle garanzie, cioè quella che deve, da un lato tutelare la sicurezza dei cittadini, ma dall’altro anche garantire l’incolumità di chi è recluso. Ed è del tutto evidente che un’espressione come quella si addice poco a questo tipo di ruolo e di funzioni”.

Clemente Russo e l’intervento del Ministro Orlando

E ancora: “La cosa semplice era dire ai cittadini che la polizia penitenziaria in qualche modo non coincide con quell’immagine che veniva data. Mesi fa il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha sanzionato dei poliziotti perché avevano inneggiato alla morte di un detenuto che era avvenuta all’interno di un carcere. Eppure si trattava di un profilo Facebook, si trattava di una cosa che aveva assolutamente minor rilievo mediatico”.