Mike Bongiorno ne sarebbe stato davvero onorato: il Comune di Milano ha appena deciso di intitolargli una via. Si tratta di una nuova strada nella zona di Porta Nuova parallela a viale della Liberazione che porterà il nome del grande presentatore televisivo scomparso l’8 settembre 2009.

Ad annunciare questa decisione è stato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che ha dichiarato: “Mike Bongiorno ha sempre avuto Milano nel cuore, la città in cui ha vissuto per decenni e che nel 1987 lo ha insignito della massima benemerenza cittadina. Intitolargli una via è un doveroso omaggio”.

La memoria di Mike Bongiorno, celebre conduttore di programmi storici della televisione italiana come Lascia o raddoppia?, Telemike e La ruota della fortuna, oltre che di numerose edizioni del Festival di Sanremo, sarà così celebrata attraverso la nomina di una via in suo onore.

Una carriera davvero incredibile che il sindaco di Milano ha voluto ricordare dichiarando: “Il primo giorno di trasmissioni della televisione italiana in video c’era Mike Bongiorno. Da quel momento Bongiorno ha accompagnato la nostra vita per oltre mezzo secolo, diventando un amico degli italiani, il compagno di mille serate. Elencare tutte le sue trasmissioni di successo è impossibile, ma certo ha rappresentato al meglio una televisione che, con ironia e allegria, contribuiva a unire il Paese”.

Giuliano Pisapia ha inoltre parlato dell’impegno del popolarissimo conduttore nella Resistenza: “La vita di Mike Bongiorno è stata caratterizzata anche dalla partecipazione alla Resistenza come staffetta partigiana che gli costò una lunga detenzione a San Vittore e la deportazione nei campi di concentramento nazisti. Si salvò miracolosamente ma quella esperienza lo segnò profondamente”.

Nelle scorse ore intanto anche l’amico Fiorello ha voluto ricordare Mike Bongiorno a 6 anni dalla sua scomparsa, con un toccante messaggio postato su Twitter: “L’8 sett di sei anni fa se ne andava il grande amico Mike. Manchi a noi che ti abbiamo conosciuto, al pubblico che ti ha amato”.