Avrebbe compiuto oggi 90 anni Mike Bongiorno, il Signore della televisione italiana, uno dei suoi padri fondatori insieme ai compianti Corrado e Raimondo Vianello.

Una carriera longeva e con una qualità sempre alta che lo pone come il conduttore più presente nella storia della TV che ne ha seguito la crescita e l’evoluzione sena perdere mai la capacità di rimanere al passo con i tempi: ha inventato il format dei quiz televisivi che non ha abbandonato passando dal Rischiatutto a TeleMike fino all’intramontabile La Ruota della fortuna, quindi il passaggio alla televisione commerciale con la nascita di Mediaset e Fininvest, nonché l’arrivo in Sky dove Mike avrebbe condotto sul canale 109 SKY Uno proprio 12 puntate del famoso Rischiatutto, ribattezzato per l’occasione RiSKYtutto, ma tale programma, a seguito della morte del conduttore, non vedrà mai la luce.

La stima che il suo pubblico gli ha sempre dimostrato continua a percepirsi con tante manifestazioni d’affetto, l’anno scorso, ad esempio, in occasione della quarta serata del Festival di Sanremo, venne inaugurata una statua che omaggia Mike, inaugurata dal rivale e amico di sempre: Pippo Baudo.