Essere figli di una star non deve essere facile, essere figli di Michael Jackson, deve essere probabilmente ancora più complicato. Lo sa bene Paris Jackson, 15 anni, trovata in fin di vita da sua nonna dopo aver tentato il suicidio tagliandosi le vene. Un episodio che ha fatto scatenare la fantasia dei giornalisti che hanno tirato fuori le più improbabili cause del gesto: dai problemi sentimentali, all’abbandono da parte di sua madre, fino ad arrivare all’idea di un gesto legato all’anniversario della morte del padre.

Il portavoce della famiglia Jackson ha invece dichiarato: “Paris è una ragazza sensibile, ha solo 15 anni ed è un’età delicata, anche se il tuo cognome è Jackson. E’ molto dura andare avanti per una ragazzina, quando si perde la persona che ami di più. Adesso sta bene, ma è ancora sotto controllo, vi prego di rispettare la sua privacy e quella dei suoi familiari”.

Ricoverata all’UCLA Medical Center, luogo in cui il 25 giugno del 2009, morì il padre Michael Jackson, ora Paris è in compagnia della mamma Debbie Rowe che non vedeva da diversi mesi e che proverà a riportarla alla vita in questo periodo di profonda crisi. Secondo The Sun, infatti, il vero motivo del disperato gesto di Paris sarebbe la scoperta che l’amatissimo Prince, fratello maggiore al quale è profondamente legata, non sarebbe figlio di Michael, bensì di Arnold Klein, dermatologo e miglior amico del cantante.