Si commuove Michael Douglas durante la conferenza stampa di presentazione del film di Steven Soderbergh Behind the Candelabra in concorso al 66° Festival di Cannes e del quale è protagonista.

L’attore ricorda le circostanze in cui è stato girato il film, poche settimane dopo la sua guarigione da un tumore alla gola. Con la voce strozzata Douglas dice: “Scusate, tutto questo è successo subito dopo il mio cancro. E’ stato un grande regalo e ringrazio Steven e tutta la troupe per avermi aspettato“.

Il regista americano ha infatti atteso che Douglas vincesse la sua battaglia contro la malattia per dare il via alle riprese dove l’attore veste i panni di Wladziu Valentino Liberace, un pianista virtuoso ed eccentrico, re degli show televisivi americani, morto di Aids nel 1987 senza mai dichiarare la sua omosessualità. Matt Damon interpreta, invece, il compagno di Liberace. Durante la conferenza, con la sua ironia l’attore, ha stemperato la commozione generale suscitata dalle lacrime di Douglas affermando: “Quanto all’essere stato a letto con Michael, posso dire ora di avere qualcosa in comune con Sharon Stone e Glenn Close. Adesso possiamo uscire tutti insieme e scambiare le nostre esperienze!