Michael Douglas, l’attore che divenne un sex symbol insieme a Sharon Stone in Basic Instinct, è tornato finalmente alla recitazione dopo il tumore alla gola che lo aveva colpito negli ultimi anni.

Grazie a una cura a base di chemio e radioterapia l’interprete ha potuto salvare la carriera e il benessere psicofisico, messo in pericolo anche dalla crisi matrimoniale che lo ha portato a un passo dal divorzio da Catherine Zeta-Jones, con la quale poi è stata ristabilita l’armonia.

Douglas dopo questa difficile esperienza è diventato un testimonial della ricerca contro il tumore e sta impegnando le proprie energie allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di rendere disponibili a tutti diagnosi tempestive e cure alla portata dei cittadini meno facoltosi.

Sul grande schermo lo rincontreremo il 10 luglio, data d’uscita del suo ultimo film Mai così vicini, una commedia diretta da Rob Reiner (già autore di Harry ti presento Sally) in cui compare anche Diane Keaton.

Nella pellicola il 70enne attore interpreta l’agente immobiliare Oren Little, uomo odioso e indisponente, il cui unico desiderio consiste nella vendita di un’ultima casa per poter poi andare in pensione. Tuttavia i suoi piani vengono sconvolti dall’arrivo del figlio che gli affida la nipotina di nove anni, della cui esistenza non era a conoscenza.

Incapace di badare a una bambina, Oren cerca aiuto nella sua vicina di casa Leah: l’incontro/scontro sarà l’occasione per riaprirsi alla vita e riprendere i contatti con la famiglia.