Traguardo importante per Michael Douglas, il grande attore americano che oggi 25 settembre spegne 70 candeline. Un giorno che da una quindicina di anni a questa parte è reso ancora più speciale dal fatto che anche sua moglie, Catherine Zeta-Jones, compie gli anni, benché quelli di lei siano 25 di meno. Peraltro, i due torneranno a festeggiare insieme, dal momento che la crisi che li aveva portati a oltre un anno di separazione sembra ormai alle spalle, come hanno dimostrato le vacanze estive in Spagna e Italia.

La festa si terrà probabilmente ad Atlanta, visto che è qui, nella capitale della Georgia, che si trova il set di “Ant-Man”, l’ultimo film griffato Marvel in cui il figlio del grande Kirk interpreta il ruolo del dottor Hank Pym. Per il Premio Oscar 1988 (indimenticabile interpretazione dello spietato broker Gordon Gekko in “Wall Street”), gli ultimi anni sono stati indubbiamente difficili dal punto di vista privato – la separazione dalla moglie, la depressione di lei (ricoverata più volte), il cancro alla laringe e lunghi mesi di chemioterapia per lui, l’arresto per spaccio di droga del figlio Cameron – cosa che naturalmente si è ripercossa sulla sua carriera. Ma dopo aver vinto la battaglia contro il tumore, Douglas è ritornato sulle scene nel modo migliore, impersonificando tra le altre cose il pianista gay Liberace nel film per la tv “Dietro i candelabri” di Steven Soderbergh, che lo aveva già diretto in “Traffic”: un’interpretazione che gli è valsa un Emmy Award e un Golden Globe, a dimostrazione che il talento, come il denaro, non dorme mai.

LEGGI ANCHE:

La bufala di Michael Douglas morto

photo credit: david_shankbone via photopin cc