Enrico Mentana non è certo uno che si trattiene, quando c’è da esprimere la propria opinione. Il direttore del tg de La 7 ha ora avuto di che ridire contro il presidente del Consiglio. Nel corso dello speciale riguardante l’esito del referendum sulle trivelle, in cui non è stato raggiunto il quorum, il giornalista ha usato delle parole molto polemiche nei confronti di Matteo Renzi.

Il presidente del Consiglio ha di che esultare per quanto riguarda il risultato del referendum trivelle, visto che lui faceva parte di quelli che sostenevano l’astensione dal voto, ma deve incassare le parole negative che gli sono piovute addosso da Enrico Mentana.

A far scatenare la reazione da parte del giornalista sono state le ultime dichiarazioni di Renzi contro la tv e i talk-show, che sono seguite a quelle degli scorsi mesi. Commentando il risultato del referendum, nel corso della conferenza stampa convocata a Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio ha dichiarato: “Una parte della classe dirigente di questo paese si mostra autoreferenziale: vivono su Twitter e Facebook. Ma l’Italia è molto più grande, fuori dalle telecamere c’è un Paese che chiede concretezza. Per settimane autorevoli ospiti si sono chiusi nei talk show, gli addetti ai lavori hanno preconizzato crolli”.

Parole che non sono piaciute a Enrico Mentana che, nel corso dello speciale sul referendum trivelle in onda in diretta su La 7, ha affermato: “Solo due parole sul premier: ha ragione a dire chi ha vinto e chi ha perso, ma la deve smettere di dare la colpa alla televisione e ai talk show. Se non ci fosse la televisione a spiegare le ragioni dell’uno, le ragioni dell’altro, e anche le sue di ragioni, noi non sapremmo e non potremmo, come cittadini, decidere cosa fare”.

Enrico Mentana ha inoltre aggiunto: “La gran parte dei cittadini italiani a quanto pare ha deciso di non andare a votare. Lo avrà fatto anche vedendo la televisione e i talk show, non nonostante, con tutto il rispetto. Il presidente del Consiglio queste cose prima o poi se le deve mettere in testa. Ha vent’anni meno di chi vi parla, quindi ha tutto il tempo per farlo”.