I tempi in cui il porno era qualcosa di difficilmente accessibile, fruibile con mille difficoltà e rigorosamente di nascosto sono ormai un ricordo lontano: internet (e in particolare YouPorn) hanno sdoganato l’intrattenimento erotico mediatico rendendolo alla portata di tutti, uomini, donne, anziani, giovani e, ahimè, anche bambini. Solo Milano è considerata, secondo una recentissima classifica, la capitale mondiale per visualizzazioni su YouPorn.

L’idea di aprire un nuovo circuito televisivo a luci rosse, quindi, potrebbe sembrare un po’ azzardata, ma nonostante ciò Mediaset  decide di lanciare dal prossimo 22 marzo ben tre nuovi emittenti vietate ai minori di 18 anni e dedicate al mondo del porno: Hot Time 1 (canale 391), Hot Time 2 (canale 392) e Hot Time 3 (canale 393).

Hot Night – specifica la guida TV – è l’offerta dedicata interamente ai piaceri della seduzione con film per adulti selezionati tra le migliori produzioni hard mondiali disponibili ogni sera dalle 23 alle 7“. Il pacchetto, probabilmente, farà parte dell’offerta commerciale pay-per-use pagando un forfait tra i 9 e i 12 euro per godere di uno o più canali nell’arco della serata.

E’ difficile prevedere il successo di questa strategia per incrementare (a basso costo) i ricavi di Mediaset Premium, ma le statistiche delle altri emittenti private parlano chiaro: nonostante l’indescrivibile quantità di free porno presente nel web, la controparte Sky riesca a incamerare ogni anno dal settore diverse decine di milioni di euro.