Erano circa 200 persone alla manifestazione di ieri nelle vie del centro di San Paolo. Tutti in marcia per la manifestare contro l’assassinio del rapper brasiliano Mc Daleste, giovane astro della scena funk brasiliana, ucciso a freddo con un colpo di pistola qualche giorno fa durante la sua esibizione live a Campinas.

Il fratello di Daleste MC, MC Pet ha partecipato alla protesta, ha firmato autografi, ha dato interviste e ha cantato. “E ‘un onore per noi vedere che tutte queste persone amavano mio fratello. Era un uomo molto amato. Meritava Stava torto. Speriamo che la manifestazione faccia sì che ci sia pace, in modo che la gente possa camminare per strada senza prendersi un colpo” ha detto. All’evento erano presenti anche MC Amaral, MC Gui, Leo da Baixada e Bio G3.

I manifestanti hanno lasciato la Anhangabaú, sono passati davanti al Comune di San Paolo e poi sono diretti verso l’edificio del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, si sono seduti per terra e hanno fatto un minuto di silenzio in omaggio a Daleste.

Il corteo ha fatto un appello al sindaco Fernando Haddad (PT) chiedendo l’approvazione e l’attuazione del progetto “Territorio Funk”, finalizzato a garantire la sicurezza durante l’esecuzione di live show in periferia in quanto non non si tratta di un caso isolato.

È stato chiesto il riconoscimento come espressione culturale e si è fatto presente che si intende portare la stessa richiesta anche agli altri governanti, tra cui il presidente Dilma Rousseff.

Il Segretario di Stato della Pubblica Sicurezza, Fernando Grella, ha risposto ai manifestanti  dando un rapido chiarimento in merito alla morte di MC Daleste e cinque altri MCs uccisi negli ultimi tre anni.

“Abbiamo avuto cinque morti in tre anni e non abbiamo nemmeno un detenuto”, ha detto il presidente della Lega di Funk, Marcelo Galattica.

Su Youtube intanto crescono di giorno in giorno le visualizzazioni dei video dei fan sotto il palco che involontariamente hanno filmato la morte in diretta del rapper.

Ecco i video: