L’edizione del 2012 del Bif&st, Bari International Film Festival, è iniziato in grande stile con la premiazione di Liliana Cavani, durante la serata inaugurale del 24 marzo, per proseguire, poi, con la premiazione dell’attore svedese Max Von Sydow.

Max Von Sydow ha ricevuto il Premio Fellini Otto e Mezzo dalle mani di Ettore Scola, Presidente della Manifestazione.

Un premio che va ad attore che ha sempre saputo misurare le sue interpretazioni, lasciando delle testimonianze indimenticabili di grande cinema.

Max Von Sydow è stato candidato due volte agli Academy Awards, l’ultima delle quali per il film “Molto Forte Incredibilmente Vicino”, di Stephen Daldry, tratto dall’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer.

Di origini svedesi, Max Von Sydow deve molta della sua notorietà a Ingmar Bergman, il regista che lo ha scelto per interpretare quattordici dei suoi film.

La collaborazione con Ingmar Bergman ha dato il via ad una carriera lunga e prolifica che lo ha visto collaborare con i grandi nomi del cinema internazionale come Sydney Pollack, Woody Allen, Wim Wenders, Steven Spielberg, Ridley ScottMartin Scorsese.

Indimenticabili poi le interpretazioni in pellicole italiane: “Cadaveri Eccellenti” di Francesco Rosi e “Il deserto dei Tartari” di Valerio Zurlini.

Un premio che vuole celebrare un attore che ha sempre saputo dare una caratterizzazione particolare ai suoi personaggi, con un perfetto dosaggio di originalità e intelligenza.