Maurizio Costanzo Show torna domenica 8 maggio in prima serata su Rete 4 e, per il suo ritorno, Costanzo ha deciso di ripescare una formula che in passato ha ottenuto ottimi riscontri: l’Uno contro tutti che in passato ha visto protagonisti i personaggi più controversi e discussi del momento, (ricordiamo -tra gli altri- Carmelo Bene, Ambra Angiolini e Pietro Taricone).

Ospite della prima puntata, Fabrizio Corona che dopo 1231 giorni di silenzio e 3 anni e 3 mesi di prigione, torna a parlare per la prima volta in tv.

In platea, il parterre chiamato a porre domande all’ex re dei paparazzi sarà composto da Vittorio Feltri, Gianluigi Nuzzi, Enrica Bonaccorti, Paolo Graldi, Antonella Borallevi, Roberto Alessi, Giuseppe Guastalla, Carmelo Abbate, Alessandro Cecchi Paone. Proprio con quest’ultimo -secondo alcune indiscrezioni già uscite (il programma è stato registrato settimana scorsa)- Fabrizio Corona avrà un acceso battibecco al punto da costringere il giornalista a lasciare lo studio offeso: l’agente dei fotografi ad un certo punto del dibattito avrebbe insinuato che Cecchi Paone ha, nel corso degli anni, sfruttato la sua omosessualità dichiarata per diventare un personaggio e trarne quindi popolarità. Momenti di tensione pare ci siano stati anche con il conduttore di Quarto Grado, il giornalista Gianluigi Nuzzi che secondo Corona, avrebbe rubato dei documenti segreti di Papa Benedetto XVI durante la stesura del libro “Sua Santità”.

Corona ha anche parlato della sua vita in carcere e di come sia entrato nel giro della droga:

Ragazzi non drogatevi, – ha detto- io mi sono rovinato la vita. Se uno la prova all’inizio deve avere la forza di fermarsi per uscirne. È normale quando hai quei ritmi di vita come i miei prima dell’arresto. Ammetterlo è stato difficilissimo. Ma poi capisci che se tiri fuori le tue debolezze, questo ti aiuta a riscattarti. Ho avuto la fortuna di avere un assistente sociale che mi ha fatto diventare una persona migliore.

Adesso Fabrizio si sente una persona nuova e sopratutto migliore grazie alla riabilitazione che -tiene a sottolineare- non gli è stata regalata:

Ho imparato a difendermi da me stesso e a credere nelle istituzioni. Ho un residuo di pena di 5 anni, sono in affidamento e questo è avvenuto senza regalarmi niente, perché lo prevede la legge.

L’appuntamento con il “Maurizio Costanzo Show – Uno contro Tutti” è quindi per domenica sera, 8 maggio, alle 21.10 su Rete 4.