Giovanissimo ma ha già vinto nel talent di Antonella Clerici, ci riprova con Riccardo Cocciante senza alcuna paura.

Non è un volto sconosciuto quello di Mattia Lever, seppur giovanissimo, ha solo 16 anni, ha alle spalle una considerevole carriera nonostante la sua età. L’avevamo già visto a ‘Ti lascio una canzone’, sicuro sul palco, padronanza della voce e tanta emozione, quasi mai dimostrata. Nel 2010 è riuscito a vincere il talent di Antonella Clerici.

A distanza di qualche anno, ritroviamo Mattia Lever a The voice Italia, ancor più sicuro di sè anche se la timidezza non è stata sconfitta. Arriva dal Trentino Aldo Adige, frequenta il terzo liceo scientifico ed ha due passioni, la musica e il calcio.

Ha superato brillantemente la sua scalata a The voice Italia, dalle audizioni al buio alle Battle. Aveva scelto come coach Riccardo Cocciante, a dispetto di quanto si potesse pensare, a 16 anni si dava quasi per scontato che scegliesse altro genere. La sua interpretazione di ‘Heaven’ alle Blind, accompagnato dalla sua chitarra, era molto piaciuta ai quattro coach.

E’ arrivato alla fase più importante, i Live Show di The voice Italia, una marcia che, se non trionfale, è di tutto rispetto. Difficile che possa vincere il programma, ci sono voci molto interessanti nel talent, ma sicuramente ha superato un grosso ostacolo che gli sta dando molta visibilità, e questo è molto positivo per chi vuole intraprendere questa carriera.

Nella seconda puntata dei Live Show di The voice Italia Mattia Lever ha cantato una intensa ‘Angels’ di Robbie Williams, un’esibizione ben riuscita, anche se troppo pretenziosa. Dalla sua ci sono timidezza e semplicità che sono sotto gli di tutti, come ha voluto sottolineare Raffaella Carrà in puntata. Per questo piace un po’ a tutte le generazioni, dalle teenager che fanno il tifo sfegatato, alle zie e nonne di tutta Italia.

Con Mattia Lever, nel team di Riccardo Cocciante, anche Elhaida Dani, Lorenzo Campani e Giulia Saguatti.