Matt Damon è sempre più impegnato, e il suo calendario si riempie progressivamente di set da visitare. Il suo ultimo progetto, ufficialmente confermato alla stampa, riguarda infatti un nuovo capitolo della saga di Jason Bourne.

Per il celebre franchise della superspia interpretata da Damon è dunque previsto un ritorno, nonostante tutto facesse presagire il contrario. Come probabilmente non molti ricorderanno visti i poco notevoli risultati al botteghino, nel 2012 il regista Tony Gilroy e gli attori Jeremy Renner, Rachel Weisz ed Edward Norton, il primo nei panni del protagonista, provarono a realizzare uno spin-off della saga senza il suo personaggio principale, intitolato The Bourne Legacy.

Il seguito della pellicola in realtà è ancora in fase di sviluppo, ma dopo le dichiarazioni di Damon sembra ovvio quale progetto avrà la precedenza presso la Universal Pictures. È stato necessario l’intervento di Ben Affleck per fugare tutti i dubbi: il regista e attore, infatti, durante un’intervista si è lasciato sfuggire che l’attore avrebbe vestito nuovamente i panni di Bourne il prossimo autunno, quando lui avrà già perso ogni parvenza di forma fisica (il riferimento è al suo ruolo di Batman in Dawn of Justice).

Damon è stato quindi costretto a sbottonarsi. A quanto pare, dopo i dissapori avuti durante la lavorazione di The Bourne Ultimatum, la Universal ha deciso di richiamare all’ovile Paul Greengrass, che sarà regista e sceneggiatore del film. La pellicola uscirà nel 2016 dopo un 2015 di duro lavoro per Damon, che sarà in The Martian di Ridley Scott, Downsizing di Alexander Payne e Machester-by-the-sea di Kenneth Longergan.

Foto: Universal Pictures