Ieri sera si è conclusa su Sky Uno la 6a edizione di MasterChef Italia, che ha visto trionfare il giovanissimo Valerio Braschi, diciannovenne di Santarcangelo di Romagna. Il ragazzo ha avuto la meglio su Gloria Enrico e Cristina Nicolini in quella che è stata una delle finali più appassionanti di sempre, che ha visto per la prima volta tre finalisti anziché due arrivare all’ultima prova, senza alcun vincitore annunciato. Non c’è infatti da stupirsi se poi ieri si siano registrati ascolti da record. “Sono contentissimo del traguardo raggiunto e voglio usare MasterChef come trampolino di lancio per iniziare una carriera da chef. Per poter partecipare al programma e inseguire questo sogno ho dovuto anche abbandonare il liceo scientifico” - racconta Valerio alla conferenza stampa che ha tenuto a Milano insieme ai giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo. Assente Carlo Cracco che, come sappiamo, ha annunciato l’abbandono del cooking show per potersi dedicare maggiormente del suo nuovo ristorante milanese.

“Troppo spesso sentiamo i coetanei di Valerio dire di non sapere cosa fare da grandi e il fatto che invece lui abbia già le idee chiare ci permette di lanciare un bel messaggio” – dice Antonino Cannavacciuolo.
“Ha cominciato questa avventura che era un bambino, è cresciuto con il passare del tempo creando piatti sempre migliori e ora ne è uscito vincitore” – sottolinea Joe Bastianich.

“Valerio ha il sangue caldo, tipicamente romagnolo. Ha sempre avuto voglia di vincere e, rendendosi conto di non conoscere abbastanza la storia della cucina italiana, si è dedicato a delle idee più innovative. Così nel menù finale è riuscito a sorprenderci” - dice infine Barbieri, che ha deciso di esaudire il desiderio del ragazzo, proponendogli di lavorare con lui. “Non mi sembra ancora vero e nel frattempo anche lo chef Igles Corelli mi ha proposto di fare uno stage di tre mesi da lui” – svela Valerio, che non vede l’ora che esca (il 20 marzo) il suo libro per Baldini&Castoldi dal titolo Mistery boy. La mia idea di cucina in 100 ricette, ovvero uno dei premi legati alla vittoria del cooking show: “Ci troverete molte ricette della cucina orientale, che è la mia vera passione! Tra una trentina d’anni, quando finalmente potrà magari aprire un ristorante tutto mio, penso che sarà ispirato a quella”.

Intanto tutti si domandano se ci sarà il prossimo anno un sostituto di Cracco, ma non è detto che rimangano in tre, come già avverrà dal 16 marzo quando debutterà, sempre su Sky Uno in prima serata, lo spin-off Celebrity MasterChef in cui vedremo dietro ai fornelli 12 personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e del giornalismo alle prese con una serie di prove ai fornelli. Di chi si tratta? Alex Britti, Antonio Capitani, Maria Grazia Cucinotta, Roberta Capua, Elena Di Cioccio, Enrica Guidi, Stefano Meloccaro, Filippo Magnini, Mara Maionchi, Nesli, Marisa Passera e Serra Yilmaz.

“Sconti non ne abbiamo fatti, anche se sono popolari. Però se ne vedranno delle belle” – anticipa Barbieri, mentre Bastianich confessa: “Essendo americano non conoscevo nessuno di loro, a parte la Cucinotta che avevo visto nel film Il Postino”.

“Sono stati bravissimi, tanto che alcuni piatti realizzati da loro potrebbero benissimo stare in un ristorante stellato” – dice Cannavacciulo.
Inutile dire che la curiosità di vederli all’opera è tanta.