La quinta stagione di MasterChef Italia prende il via il 17 dicembre su Sky Uno e quest’anno tra i giudici c’è una new entry, di peso, come Antonino Canavacciulo che, insieme ai colleghi Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich, avrà il compito di giudicare i piatti proposti e preparati dagli aspiranti chef.

Per la quinta edizione di MasterChef che partirà domani, 17 dicembre 2015, sono stati oltre 18 mila gli aspiranti chef che si sono candidati per uno dei 20 ambitissimi grembiuli. Per la prima volta a MasterChef un supercasting attende nella prima puntata 150 cuochi amatoriali, che hanno affrontato sotto gli occhi dei giudici le prime prove: solo i 20 che supereranno le eliminatorie, il live cooking, primo incontro-scontro con la giuria, e l’avvincente prova ambientata nell’Hangar entreranno di diritto all’interno della cucina più famosa d’Italia.

Chi sono i 20 concorrenti in gara è ancora presto per scoprirlo ma tra gli aspiranti chef c’è Erika mamma di una bambina di quasi due anni, arriva dalla provincia di Ravenna, e la cucina è la sua grande passione.

L’avvocato Gianluca invece viene da Foggia, dal veneto arriva Mattia che di lavoro fa il “caposala” che riceve i complimenti dai giudici per il piatto. Mattia in cucina è molto forte ma ha qualche problema con le donne, così i giudici si offrono per dare delle ripetizioni.

Tra i candidati anche un ragazzo di Firenze che nella vita fa lo scultore o Gaetano che vive a Dusseldorf.

Durante il live cooking gli aspiranti chef dovranno realizzare, in una manciata di minuti e con gli ingredienti portati da casa, il proprio piatto forte. Sarà poi la decisiva prova dell’Hangar a decretare i 20 nomi selezionati esclusivamente dalla giuria che diventeranno i partecipanti ufficiali della quinta edizione: solo chi riuscirà a dare il meglio di sé dimostrando forza di volontà, passione, personalità e un’elevata competenza culinaria potrà sbaragliare la concorrenza.

Da questo momento in poi si entra nel vivo della gara con le prove cult del format che si prospettano più ardue e insidiose. I 20 aspiranti chef non avranno vita facile: si dovranno fare strada sotto gli occhi dei quattro giudici tra Mystery Box, Invention Test, Pressure Test sempre più complicati.

Gli aspiranti chef si ritroveranno anche quest’anno catapultati in prove in esterna davvero mozzafiato, che potranno superare solo con preparazione, freddezza e resistenza allo stress. Dovranno passare dai bagnini degli stabilimenti della riviera romagnola al pubblico modaiolo e metropolitano di un picnic gourmet, mettersi alla prova preparando una cena alla griglia nel ranch di Valentino Rossi per lo staff e i piloti dello Sky Racing Team.