Ricorre oggi il 20esimo anniversario della morte di Massimo Troisi. L’attore italiano apprezzato dal pubblico di tutta la penisola, Troisi è ricordato per i tanti film che l’hanno reso celebre in Italia e all’estero e che hanno fatto la storia del cinema italiano. Ecco i 5 film più belli della filmografia di Massimo Troisi. Ricordiamo insieme i titoli più belli dei suoi lavori sia come protagonista che come regista, dietro la macchina da presa.

Ricomincio da tre – 1981. È il primo film dietro la macchina da presa dell’attore napoletano. Ebbe un grande successo di pubblico e critica, tanto da valergli incassi record e la vittoria di due David di Donatello, quello per il miglior film e per il miglior attore.

Non ci resta che piangere – 1984/1985. Diretto e interpretato da Roberto Benigni e Massimo Troisi, il film ebbe un enorme successo al botteghino ed ha realizzato il maggior incasso di quell’anno pari a 15 miliardi di lire.

Le vie del Signore sono finite – 1987. Scritto, diretto ed interpretato da Massimo Troisi, il film è stato decretato vincitore di unNastro d’Argento per la miglior sceneggiatura.

Pensavo fosse amore invece era un calesse – 1991. Diretto da Troisi, il film è stato l’ultimo lavoro come regista dell’attore di cui è anche sceneggiatore e protagonista insieme a Francesca Neri e Marco Messeri.

Il Postino – 1994. Si tratta del più celebre film di Troisi nonché sua ultima interpretazione. L’attore, infatti, morì solo 12 ore dopo la fine delle riprese. Il film è ispirato a Il postino di Neruda, romanzo scritto dal cileno Antonio Skármeta.