Massimo Boldi, ospite del programma di Rete 4 “La Strada dei Miracoli“, ha svelato particolari molto intimi sul rapporto che ancora lo lega alla moglie Marisa Selo, scomparsa nel 2004 dopo una lunga malattia. Affrontare il lutto per l’attore è stato durissimo:

“Quando perdi una persona cara, ma sopratutto il ramo principale della tua vita, è una tragedia vera. Ho tre figlie, la più piccola aveva 14 anni, ed è stato un grande dramma. Ho dovuto fare il padre e la madre“.

Ma la moglie di Boldi, in verità, ha mantenuto sempre un contatto soprannaturale con lui, così come l’attore spiega alla conduttrice Safiria Leccese:

“Ancora oggi c’è una lampada, nella mia casa, che stranamente ogni tanto al mattino verso le cinque e mezzo comincia ad accendersi, con una luce flebile, poi si spegne e si riaccende. E io sento la presenza di mia moglie. All’inizio era una presenza molto intensa. I primi tempi vedevo una figura che mi guardava in faccia, bianca, stava zitta e sorrideva. Io non avevo paura, aveva il volto di Marisa”.

Massimo adesso ha una nuova compagna, ma afferma di non aver mai dimenticato tutto il suo passato, anzi, ringrazia ancora la moglie scomparsa per avergli dato la forza necessaria a continuare:

“Tutto quello che ho fatto nella mia carriera è stato un miracolo, prima era un’illusione che si è poi materializzata. Credo che qualcuno mi abbia guidato”.