Nato nel Nebraska il 3 aprile 1924, Marlon Brando avrebbe compiuto proprio oggi 90 anni. Entrato di diritto al quarto posto della lista delle leggende del cinema redatta dall’American Film Institute nel 1999, l’attore statunitense è stato uno dei soli tre attori professionisti, insieme a Charlie Chaplin e Marilyn Monroe, nominato dalla rivista americana TIME come uno dei 100 personaggi più influenti del secolo nel 1999.

Tutta questa popolarità Marlon Brando l’ha conquistata nei suoi tanti anni di carriera cinematografica. Candidato 8 volte al Premio Oscar, ha interpretato innumerevoli ruoli di rilievo in alcuni dei lungometraggi più famosi della storia. Lo ricordiamo in Fronte del porto, Un tram che si chiama Desiderio, Gli ammutinati del Bounty, Il Selvaggio e Apocalypse Now. Tutti, però, conservano un vivissimo ricordo della sua interpretazione di Vito Corleone ne Il padrino, capolavoro cinematografico firmato Francis Ford Coppola, e il vedovo Paul in Ultimo tango a Parigi, il grande classico che ha emozionato intere generazioni.

Il suo primo grande ruolo lo recitò nel film Un tram che si chiama Desiderio. La ricezione della critica fu molto positiva nei confronti di Brando tanto che fu subito etichettato come un giovane sex symbol di Hollywood. Piccola curiosità: Brando aveva convinto talmente tanto il pubblico con la sua interpretazione che lo stesso attore, a distanza di anni, ha dichiarato “Ancora oggi mi capita di incontrare persone che pensano di me automaticamente come un duro, insensibile, un tizio grosso di nome Stanley Kowalski. Essi non possono farne a meno, ma, è preoccupante”. La sua ultima apparizione cinematografica risale al 2001 in The Score, film diretto da Frank Oz e interpretato da Robert De Niro.

Foto by InfoPhoto

photo credit: twm1340 via photopin cc