Un nuovo anno da record per Maria De Filippi che con i programmi televisivi produce un fatturato da 64 milioni euro grazie a tv, socialtv e marketing. Maria De Filippi, oltre a vincere le gare degli ascolti ed essere amatissima dal pubblico in televisione, è una professionista e imprenditrice di successo che riesce a trasformare in profitto qualsiasi progetto televisivo che gli viene commissionato o che inventa.

Eh si perché la televisione non è solo lustrini, pianti e polemiche ma è soprattutto business: un’industria che muove molto denaro e che produce ricchezza e posti di lavoro. Così l’analisi del bilancio della “Maria De Filippi Spa” è festa per ogni voce di spesa come rivela Repubblica alla pagina finanza che oggi analizza il business della conduttrice. La società Fascino, i cui soci sono Maria De Filippi e Mediaset, nel 2016 rileva delle entrate superiori rispetto lo scorso anno “del 37 per cento, arrivando a 64,5 milioni di euro.”

Grazie agli ascolti televisivi sempre vincenti tutte le trasmissioni televisive, da Uomini e Donne ad Amici passando per C’è Posta e Tu Si que Vales, macinano ricavi e utili per la società. Ottime, secondo Repubblica, anche le prestazioni dei nuovi programmi: “Tutte le produzioni di quest’anno comprese le new entry Selfie, House party e L’intervista hanno riscosso un buon successo e l’andamento reddituale ha portato a un aumento del fatturato al di sopra del budget”

La nuova chiave di svolta per la Fascino sembra essere la televisione legata al marketing e al mondo dei social, la cosiddetta SocialTV, che ha portato un’incremento di fatturato grazie a tronisti, concorrenti di Amici e company:  “A far decollare davvero la redditività è la macchina social e di marketing: i siti Internet hanno incassato 1,3 milioni, il volano di tronisti & C. ha fatto decollare i ricavi di merchandising a 4,2 milioni, in netta crescita rispetto al 2015. Risultato: il bilancio si è chiuso con 2,6 milioni di profitti, in aumento del 160% sull’anno precedente. E all’assemblea di poche settimane fa De Filippi e i Berlusconi si sono regalati un dividendo di 500mila euro a testa.”

La Fascino ha così accumulato 22 milioni di euro, 6 dei quali nel 2016, in liquidità presso la tesoreria di Mediaset ottimizzando i costi di gestione. E se il prossimo anno qualche progetto fosse un flop? Nessun problema perché in cassa sono stati accantonati 18 milioni di euro di riserva per sopperire a eventuali fallimenti: “Un tesoretto che lei e Mediaset – volendo – potrebbero distribuirsi in qualsiasi momento”.

La Fascino di Maria De Filippi e Mediaset è a tutti gli effetti una media impresa e conta 198 dipendenti che seguono tutte le fase produttive dei programmi che coprono quasi un terzo del palinsesto di Canale 5. Nelle spese della società, riportate da Repubblica, si leggono costi come: “5,6 milioni di diritti d’autore, 419mila euro per l’orchestra, 3,8 milioni di consulenze, 2,3 milioni per gli alberghi, 2,7 per spese di viaggio, 1.631 euro di pedaggi autostradali, 623mila per la vigilanza e 967mila tra ticket, cestini e buffet.”

Maria De Filippi ha così chiuso un anno di successi, anche economici.