Betti Soldati, responsabile delle comunicazione di Fascino, racconta la professionalità e le doti lavorative di Maria De Filippi in televisione. Un legame professionale che dura da moltissima anni quello tra Maria De Filippi e Betti Soldati che dagli addetti ai lavori, insieme alla produttrice Sabrina Gregoretti, è considerata il braccio destro di Maria di Mediaset. Al periodico Link – Idee per la Televisione Betti Soldati racconta: “Maria è una grande lavoratrice. C’è sempre, nel bene e nel male. Se hai bisogno di lei, se devi comprendere qualcosa più a fondo prima di raccontarla ai giornalisti e agli addetti ai lavori, Maria c’è. Noi parliamo del suo prodotto perché è un credo vero. I talent, i people show che produciamo sono straordinari. Lo stesso Uomini e Donne, spesso criticato, è uno show incredibile. Se vai in studio a vederlo ti emozioni, ti diverti. Il racconto è reale, Maria è se stessa anche dentro la scatola. Non la vedi assumere atteggiamenti diversi da quelli che ha in camerino o al ristorante o a una festa”.

Il processo creativo di ogni programma di Maria è Maria stessa che in ogni prodotto porta un po’ del suo, come successo a Sanremo 2017 dove ha raccontato gli eroi del quotidiano all’interno della manifestazione più popolare del paese: “ha sempre un enorme scambio con tutti, dagli autori all’ufficio stampa, ai coach e ai ragazzi. Magari sui tronisti ha una redazione che lavora per lei nei casting, però poi segue da vicino il processo e conosce ogni minimo dettaglio. È sempre molto preparata, te lo fa capire anche il suo commento su Sanremo: ha detto che se l’è goduto poco perché ha passato il tempo a studiare. Questo nonostante il suo ruolo fosse limitato: le scelte artistiche le ha fatte Carlo (Conti), Maria doveva ‘portare Maria’. Ciò nonostante sapeva tutto, di chiunque salisse sul palco: chi aveva scritto il pezzo, chi dirigeva. Anche se erano cantanti che non presentava lei. È una abituata a essere molto preparata”.

La sovraesposizione mediatica e soprattutto televisiva di Maria ha fatto adottare una strategia di comunicazione sottrattiva, un po’ come la sua conduzione televisiva, nelle interviste ai giornali: “Lei rilascia al massimo due o tre interviste all’anno. Parliamo di una persona molto sovraesposta in video, di conseguenza molto parca sui media. Giustamente si preserva. Sono strategie che elaboriamo insieme, lei viene da un’agenzia di comunicazione. Ha cominciato a fare tv solo dopo l’incontro con Costanzo. Ovviamente c’è un ragionamento sulle testate da coinvolgere, con alcune c’è un rapporto più solido e di fiducia rispetto ad altre. Comunque di base Maria fa un incontro collettivo annuale per Amici e poi, appunto, un paio di interviste singole al massimo. Il prodotto è mantenuto dal racconto che va in video. Noi facciamo un’attività quotidiana di comunicazione sulle attività del gruppo Fascino e in più prepariamo materiale per tutti i personaggi dei vari programmi, con foto e altre informazioni”.

Betti Soldati, in quest’estate caldissima, ha svelato qualche segreto del successo di Maria De Filippi che in questi giorni si sta rilassando al mare di Ansedonia con la famiglia prima della nuova stagione televisiva.