“Mammoni, chi vuole sposare mio figlio?” è il nuovo reality messo a punto da per Alessandro Tresa (regista) e Simona Ercolani (ideatrice) con la casa di produzione Stand by me.

Una formula nuova che rivoluziona il reality show così come siamo abituati a vederlo sulle reti italiane.

Il format è piuttosto semplice. Alla trasmissione partecipano cinque coppie composte da una mamma con il proprio figlio. Tutti gli uomini appartengono alla categoria dei mammoni, di quegli uomini che anche se economicamente stabili non si staccano dalle gonne della mamma.

Saranno proprio le mamme poi a scegliere fra le 40 aspiranti fidanzate quella che ritengono più opportuna per il loro pargolo. Un’idea simpatica e interessante che è stata ripresa da un format spagnolo, del quale conserva la caratteristica principale:

È un factual, tra realtà e finzione. È quasi tutto reale, non c’è diretta, non c’è studio. È quasi un documentario: tutto registrato, ma vero.

Così definisce il suo nuovo programma Tommaso Capolicchio, uno degli autori.

i protagonisti mammoni selezionati sono stati scelti per rappresentare un po’ tutte le categorie di italiani: il modello milanese, l’uomo d’affari quasi cinquantenne, il ragazzo che non fa nulla senza a mamma e anche il ballerino gay.

Chissà come andrà a finire!