Bisognerà aspettare gennaio del 2016 per vedere l’atteso Macbeth di Justin Kurzel, il regista australiano che nel 2012 si impose all’attenzione della critica con l’agghiacciante thriller Snowtown.

Presentata allo scorso Festival di Cannes la nuova trasposizione della celebre tragedia di Shakespeare gode della presenza di due degli attori più talentuosi della loro generazione, ovvero Michael Fassbender e Marion Cotillard.

L’impresa che attendeva Kurzel, regista scelto anche in vista della sua precedente e fortunata esperienza teatrale, non era delle più semplici: tra i tanti illustri predecessori che si sono cimentati con il testo del Bardo ci sono infatti due colossi come Orson Welles e Roman Polanksi, che sono riusciti a lasciare la propria impronta stilistica.

Il teaser trailer che vi presentiamo lascia intravvedere un’operazione che ha calcato molto la mano sulla spettacolarità delle scenografie, supportate da una fotografia di grande impatto. Grande attenzione è poi stata data all’utilizzo di un linguaggio come quello shakespeariano di sicura fascinazione ma anche di possibile oscurità.

Il produttore Ian Canning ha invece sottolineato il tentativo di calare la vicenda di Macbeth all’interno del contesto storico, fornendo un background palpabile ai due protagonisti: “Ciò che ritengo sia molto forte in questo adattamento è il senso di comunità e di un mondo più ampio intorno ai personaggi. Abbiamo sviluppato l’idea che Macbeth e Lady Macbeth esistano all’interno di una realtà di cui sono il prodotto stesso; le loro azioni, quindi, non possono prescinderne. Abbiamo analizzato la storia da un punto di vista molto più moderno e cinematografico.

Anche il regista si è detto affascinato dal ruolo della guerra all’interno della storia, che l’ha aiutato a entrare in sintonia con il testo originale, uno dei drammi più rappresentati di sempre: “Volevo portare sul grande schermo l’ombra della guerra, mostrare come Macbeth reagisca a quella realtà o ne sia il prodotto, e come essa giochi un ruolo fondamentale nella sua ambizione di diventare re; ho trovato tutto questo molto interessante nei termini di un personaggio che cerca di superare un trauma o un dolore; ho provato una sorta di familiarità, di parentela”.

Totem_138x200_Macbeth_Fassbender_HR  Totem_138x200_Macbeth_Cotillard_HR