È morto, all’età di 95 anni, l’attore italo-americano Ernest Borgnine, l’indimenticabile interprete di “Quella sporca dozzina”.

A dare la notizia della sua scomparsa il suo portavoce.

Ernest Borgnine, il cui vero nome era Ermes Effron Borgnino, era nato a Hamden, il 24 gennaio 1917, da genitori italiani. Il padre Camillo Borgnino era infatti piemontese e la madre, Anna Boselli, era, invece, di origine carpigiana.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, in cui fu impegnato nel corpo della Marina, Ernest Borgnine decide di tentare la carriera di attore e inizia a studiare alla Randall School of Drama di Hartford. Il suo debutto come attore avviene nel 1949, quando prende parte ad uno spettacolo di Broadway, la commedia Harvey. Due anni dopo il trasferimento a Los Angeles, dove ottiene la sua prima parte nel film  Da qui all’eternità (1953) di Fred Zinnemann.

Solo tre anni dopo la consacrazione, con la vittoria dell’Oscar come migliore attore protagonista per Marty, vita di un timido, di Delbert Mann. È lo stesso anno in cui anche l’indimenticabile Anna Magnani vinse l’Oscar come migliore attrice protagonista.

Dopo quella data la sua carriera di attore prende il via e parteciperà a film che hanno segnato la storia del cinema come Quella sporca dozzina (1967), L’imperatore del Nord (1973) di Robert Aldrich e Il mucchio selvaggio (1969) di Sam Peckinpah.