Domenica 12 gennaio, in prima serata su Italia 1, a “Lucignolo 2.0″ oltre alle lezione di sesso di Franco Trentalance è andato in onda un servizio su un giro di permessi di soggiorno falsi, rinnovati grazie a fasulle dichiarazioni di impiego. In particolare, il programma della rete cadetta Mediaset ha smascherato un’agenzia di pratiche per stranieri con sede a Nola che, per tremila euro, avrebbe fornito contratti di lavoro fittizi utili al rinnovo dei documenti.

La Procura di Nola ha aperto un procedimento penale a carico di un uomo che sembra facesse da intermediario. La persona in questione, tramite un commercialista e alcune ditte compiacenti, avrebbe fatto in modo che la pratica venisse portata avanti anche senza che l’interessato potesse fare un solo giorno di lavoro presso l’azienda designata.
La Polizia di Stato ha effettuato un blitz nell’ufficio dell’uomo, sequestrando il computer e tutta la documentazione in lingua straniera in suo possesso. In particolare, gran parte del materiale è in russo.
La Procura ha nominato due consulenti tecnici e un esperto informatico. Lucignolo continuerà ad occuparsi della vicenda.

Rivedi il servizio andato in onda domenica scorsa qui.