Poche ore fa sono state diffuse – dall’ufficio stampa di “Striscia la notizia” – le prime immagini relative all’aggressione di Luca Abete, storico inviato di “Striscia la notizia” che è stato prima aggredito e poi fermato dalla polizia mentre tentava di intervistare, ad Avellino, il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini per parlare delle carenze strutturali in alcuni edifici scolastici della Campania, già oggetto di innumerevoli servizi curati da Abete. “Notte quasi insonne: dolori, nausea e tanta rabbia. Il mondo va al rovescio e noi siamo orgogliosi di essere tra quei pazzi che vorrebbero cambiarlo” è il commento dell’inviato sulla sua pagina Facebook.

Luca Abete è stato strattonato ad Avellino

Le immagini diffuse in rete da “Striscia la notizia” sono eloquenti e non necessitano di ulteriori commenti. A spaventare sono soprattutto le parole dello stesso Luca Abete che dimostrano come il clima di tensione sia altissimo e che l’inviato è stato persino strattonato: “Mi hanno picchiato, minacciato e trattato come un delinquente”. Agli operatori che si trovavano con lui – come riferisce l’ufficio stampa della storica trasmissione Mediaset – è stato chiesto di consegnare il girato. La colpa di Abete? Quella di aver provato ad avvicinare il Ministro dell’Istruzione che ha il dovere di rispondere alle domande dei giornalisti.