Lorella Cuccarini, regina indiscussa della tv italiana, ha parlato della sua carriera e della sua vita privata al settimanale “Vanity Fair“. Lo showgirl, appassionata di danza dall’età di tredici anni, ha poi scalato il successo calcando le scene televisive di programmi cult come “Fantastico”, “Paperissima” e “Buona Domenica”.

Per quanto riguarda la sfera privata, il matrimonio con Silvio Capitta nel 1991 fu un avvenimento importante nella sua vita e per questo cercò in ogni modo di tenerlo il più riservato possibile:

Volevamo evitare i paparazzi, i giornali che avrebbero chiamato per proporci un’esclusiva. Il giorno dopo la cerimonia abbiamo scelto alcune fotografie e le abbiamo regalate alla stampa. Lo sapevano solo mia madre, i genitori di Silvio e pochi altri. Ci comportammo da veri carbonari. Il vestito me lo preparò mamma, trovammo il modello insieme e lei andò a comprare la stoffa. Mia cognata scelse le bomboniere, io feci finta di invitare per una festa di compleanno in anticipo e celebrammo prima il matrimonio religioso proprio per evitare le pubblicazioni”.

Un’altra tappa fondamentale fu la nascita nel 2000 dei suoi due gemelli Chiara e Giorgio proprio durante un periodo cruciale dal punto di vista professionale:

“Di fronte a me avevo l’ultima stagione di Grease a teatro: migliaia di biglietti venduti, il cast sotto contratto. Scoprire di essere incinta fu uno shock e, quando mi dissero che erano due, fu pure peggio. Per fortuna erano belli ‘aggrappati’ “.

Insomma, la Cuccarini negli anni si è rivelata una mamma e una professionista da dieci e lode, ed ha ancora abbastanza energia per dare il massimo sia a lavoro che in famiglia:

“Credo che a teatro si possano trovare ruoli stimolanti anche a sessanta, settant’anni. Non voglio essere in Tv a tutti i costi. E poi mi piacerebbe godere delle realizzazioni dei miei figli, occuparmi un giorno dei nipotini. Ho ancora tanta forza, energia. Secondo me sarei una nonna figa”.