Sono momenti di tristezza quelli che sta vivendo la famiglia di Linus, il nome arte del dj Pasquale Di Molfetta.

La celebre voce di Radio Deejay ha infatti dovuto annunciare la morte di Bruna, la cagnolina di undici mesi che aveva rallegrato l’esistenza dei suoi cari.

Fatale è stata una disattenzione di uno dei figli di Linus, che per un attimo ha lasciato andare Bruna, finita poi travolta da una macchina.

Con due lunghi post su Instagram l’annunciatore ha reso partecipi i suoi fan del triste evento: “Dieci minuti prima stava tentando di scippare un pollo dalla padella, dieci minuti dopo non c’era più. È scappata a mio figlio davanti a casa, al rientro dalla passeggiata, inseguendo chissà cosa. Un altro cane, un gruppo di piccioni, non ha importanza. Non era mai successo, almeno non su quello stradone. Un attimo. La prima macchina l’ha evitata, la seconda non c’è riuscita. È morta praticamente tra le braccia di Filippo, appena arrivata al Pronto Soccorso Veterinario. Aveva appena compiuto undici mesi, tra poco avremmo festeggiato il suo primo Natale.”

Questo è uno di quei momenti in cui odio il mio lavoro. Perché mi obbliga a condividere qualcosa che vorrei invece dimenticare. Ma di cui non posso non parlare. Non dopo che ne ho parlato mille volte. Ieri a mezzogiorno è morta Bruna. Così, all'improvviso. Dieci minuti prima stava tentando di scippare un pollo dalla padella, dieci minuti dopo non c'era più. È scappata a mio figlio davanti a casa, al rientro dalla passeggiata, inseguendo chissà cosa. Un altro cane, un gruppo di piccioni, non ha importanza. Non era mai successo, almeno non su quello stradone. Un attimo. La prima macchina l'ha evitata, la seconda non c'è riuscita. È morta praticamente tra le braccia di Filippo, appena arrivata al Pronto Soccorso Veterinario. Aveva appena compiuto undici mesi, tra poco avremmo festeggiato il suo primo Natale. È un dolore grandissimo, inaspettato, indescrivibile. Non riesco a non pensarci, a non pensare all'ingiustizia di un'anima così innocente che se ne va così improvvisamente, violentemente, ingiustamente. È stata con noi nove mesi, ma li ha vissuti fino all'ultimo secondo. È stata con noi nove mesi, ma dopo che abbiamo fatto sparire qualunque oggetto sembra quasi non sia mai esistita. Ci ha all'inizio violentato l'esistenza, fino a farmi pentire di averla presa. E poi ce l'ha pian piano cambiata, riempita, colorata. Ha fatto di più lei per la mia famiglia in questo poco tempo che ognuno di noi singolarmente negli ultimi dieci anni. Era diventata l'ombra di Carlotta, la migliore amica di Filippo e il pupazzo di Michele. Era la compagna di giochi di tutti i cani del quartiere, e forse un po' anche di voi ascoltatori. Sono stato felice di condividere ogni gioia che mi ha regalato, però adesso questo rende ancora più pesante il momento, ora che per contrappasso sarò costretto a spiegare all'infinito come sta. Sta che non c'è più, ecco come sta. Era un cane felice, Bruna. Profondamente, ingenuamente felice. E noi lo siamo stati con lei. Ho cercato tutto il giorno di capire il significato di tutto questo, e forse è proprio nell'armonia che ha riportato nella nostra vita. Adesso ci sta guardando, dall'alto, col muso tra la ringhiera. Ce la fate da soli?

A post shared by Linus (@linus_dj) on

Quello descritto da Linus è “un dolore grandissimo, inaspettato, indescrivibile”, e il direttore artistico di Radio Deejay arriva addirittura a parlare “dell’ingiustizia di un’anima così innocente che se ne va così improvvisamente, violentemente, ingiustamente.”

La notizia è poi stata data durante la trasmissione della puntata di lunedì di Deejay chiama Italia, condotta insieme a Nicola Savino: Linus ha voluto ringraziare di persona coloro che gli sono stati vicini, compresi gli ascoltatori e i commentatori sul blog e sui social.

A ognuno la sua Scala.

A post shared by Linus (@linus_dj) on