Dopo il relativo insuccesso di The Bling Ring ecco arrivate L’inganno, ovvero il ritorno in grande stile di Sofia Coppola, l’autrice di un classico dei nostri tempi quale Lost in Translation.

La regista ha scelto di adattare il romanzo The Beguiled di Thomas Cullinan, da cui nel 1971 era stato tratto il film La notte brava del soldato Jonathan con Clint Eastwood, per la direzione di Don Siegel.

La storia de L’inganno è ambientata in un collegio femminile della Virginia, durante la Guerra Civile (siamo nel 1864): le ospiti della struttura, che sinora non è mai stata toccata dal conflitto, vengono sconvolte quando vi viene accolto un soldato ferito.

Durante il periodo di degenza del militare inizierà un gioco al massacro basato sulla seduzione, il rovesciamento dei rapporti di potere e la battaglia fra i sessi. In questo caso, come ci si poteva aspettare della Coppola, rispetto al film originale la prospettiva non è più quella del soldato, interpretato da Colin Farrell, ma quella delle donne che abitano il collegio.

La cineasta ha dichiarato di essersi molto divertita a mettere in scena quest’ennesimo universo isolato tutto al femminile, che richiama da vicino titoli come Marie Antoinette e Il giardino delle vergini suicide.

Il cast include infatti Nicole Kidman nei panni della direttrice Miss Martha Farnsoworth, Kirsten Dunst in quelli dell’insegnante Edwina ed Elle Fanning nella parte della giovane studentessa Alicia. In ruoli minori anche Emma Howard, Oona Laurence, Angourie Rice e Addison Riecke.

L’uscita de L’inganno nelle sale italiane è prevista per il 14 settembre.