L’undicesima volta del Liga a San Siro come la prima, anzi meglio: emozioni, adrenalina e una buona dose di rock sono stati gli ingredienti della seconda serata milanese del Mondovisione Tour (qui tutte le altre date) in un’afosa serata di giugno condivisa da più di 70mila persone che hanno cantato a squarciagola i suoi brani più belli, ma anche tante canzoni del nuovo cd. Più di due ore di musica, 30 pezzi, mai una pausa se non poco prima del bis, Luciano tiene il palco come se gli anni, per lui, non passassero mai (scopri qui i gruppi che aprono i concerti del Mondovisione Tour).

Un maxischermo curvo e una passerella che arriva fino a metà prato coinvolgono i presenti più che mai: Luciano vuole essere tra il suo pubblico, viverlo a pieno e lo fa in maniera davvero eccelsa. In mezzo allo stadio il simbolo di questo tour: un globo che si illumina a tempo di musica e che rappresenta tutti noi, tutto un mondo che pulsa.

La scaletta si apre con ”Il muro del suono” ed uno spettacolare boato dei presenti, eccovi giusto un assaggio di quel momento.

Poi è andato avanti con “Il volume delle tue bugie“, ”Balliamo sul mondo”, “Per sempre “, con una spettacolare scenografia dove una antica giostra girava insieme ad alcune immagini di famiglia, uno dei brani sicuramente più sentiti da parte del rocker e ancora “Sulla mia strada” che vi proponiamo qui sotto.

Una dedica al mondo femminile non può mancare e “Le donne lo sanno” lascia sempre un sorriso sul viso del pubblico femminile (e non solo) presente a San Siro. Ecco un piccolo assaggio.

Il momento più emozionante per la sottoscritta? Ballare con altre migliaia di persone al ritmo di “Balliamo sul mondo“, vedere per credere.