Alla prima del film 3d che il rocker Luciano Ligabue ha voluto realizzare sul suo concerto dello scorso 16 luglio a Campovolo, proiettato al cinema Adriano di Roma, c’era una fila di ragazzi, molti dei quali sono stati presenti anche all’evento musicale estivo.

Attraverso il social network facebook, i fan della pagina “bar Mario” si sono dati appuntamento in tutte le stazioni ferroviarie d’Italia per prendere lo stesso treno sul quale viaggiava anche il cantante romagnolo con la sua band.

Mario, il fratello chitarrista dell’autore di testi ballando sul mondo e Lambrusco e pop corn, che hanno fatto danzare tantissimi adolescenti degli anni novanta, ha definito questo particolare viaggio sui binari, in compagnia di oltre quattrocento passeggeri appassionati delle sue hit, come “una grande famiglia”.

Il cofanetto contenente tre cd incisi con le registrazioni degli spettacoli dal vivo, per un totale di trentadue tracce musicali di cui tre assolutamente inedite, è uscito martedì 22 novembre, ed è stato accolto dal suo pubblico con quello spirito che animava la condivisione dell’ascolto del vecchio vinile.

Perché è in questo modo che i fan di Luciano Ligabue vivono la sua musica ed i suoi concerti, come una esperienza da poter vivere in comune con persone con cui si è stretto amicizia, magari durante una delle serate passate sotto il palcoscenico dove il cantautore si è esibito e, magari, poi, tornare ad incontrarsi per ascoltare nuovamente le canzoni dallo stereo, per rivivere le stesse emozioni.