Il ritorno del personaggio di Edgar Rice Burroughs in questo momento con The Legend of Tarzan non dovrebbe sorprendere troppo gli appassionati di cinecomic: in fondo il Signore delle scimmie è spesso considerato come uno dei primi esempi di supereroi, o superuomini, della storia della letteratura popolare.

A dirigere la pellicola, in arrivo nelle sale italiane da luglio del 2016, c’è il regista David Yates, già autore degli ultimi quattro capitoli della saga cinematografica di Harry Potter e che ha firmato anche l’attesissimo spin-off Gli animali fantastici: dove trovarli.

Veste invece i panni del celeberrimo eroe Alexander Skarsgård, l’attore svedese che si segnalato grazie alla parte del vampiro Eric Northman in True Blood e che abbiamo visto anche in due gioielli come The East e Melancholia di Lars von Trier.

Ad affiancarlo in The Legend of Tarzan non può che esserci un’affascinante Jane, interpretata dall’australiana Margot Robbie, divenuta una diva dopo The Wolf of Wall Strett e che presto vedremo anche in Suicide Squad nei panni di Harley Quinn. Il resto del cast è composto da Christoph Waltz, che ovviamente ottiene il ruolo del villain e il prezzemolino Samuel L. Jackson.

Questa la sinossi ufficiale del film la cui uscita è prevista per il luglio del 2016. Sono passati anni da quando l’uomo una volta conosciuto come Tarzan ha abbandonato la giungla africana per una vita signorile nei panni di John Clayton III, Lord di Greystoke, con al fianco la sua amata moglie Jane. Invitato di nuovo in Congo con la funzione di emissario di commercio del Parlamento, Clayton ignora di essere in realtà diventato una pedina in una convergenza mortale di avidità e vendetta ideata dal Capitano belga Leon Rom. Chi si cela dietro la trama omicida, però, non ha idea di ciò che è in procinto di scatenare.

Il trailer ci racconta della genesi della tragedia che ha circoscritto i primi anni di vita di Tarzan, quindi il primo incontro in fasce con le scimmie che avrebbero allevato il protagonista, e poi un’esibizione delle sue spettacolari abilità.

Torniamo poi al presente, con il lord di Greystoke che viene costretto a tornare nella giungla che lo ha formato: la sua amata è in pericolo (e il personaggio di Waltz non si lascia sfuggire un sapido rimando al classico “Io Tarzan tu Jane”). Seguono poi immagini dell’enorme conflitto che metterà l’uno contro l’altro il Capitano Rom e le sue truppe e le forze della natura capitanate da Tarzan.