Adattamento dell’omonimo romanzo di John Green, “Città di carta” arriva al cinema. La pellicola racconta il percorso di formazione di Quentin Jacobson (meglio noto come “Q”), un 17enne intelligente che frequenta l’ultimo anno del liceo. La sua storia si intreccia con quella della vicina Margo Roth Spiegelman, ragazza avvolta dal mistero. Una storia carica di divertimento e avventura, ma anche un’attenta riflessione sui sentimenti.

Il film

Dopo una notte di scorribande, Margo scompare apparentemente senza un motivo preciso, lasciando dietro di sé una serie di indizi che Quentin (da sempre innamorato di lei) è chiamato a decifrare e interpretare per ritrovarla. Al suo fianco vecchi e nuovi amici: Ben, Radar, Lacey e Angela. È proprio l’amicizia tra i personaggi il punto fermo attorno al quale ruota l’intera narrazione: la ricerca si trasforma in un epico viaggio “on the road”, fornendo l’occasione perfetta per esplorare la natura più complessa di ogni individuo e l’esigenza di percepire ciò che le persone trasmettono al di là delle impressioni iniziali.

Quelli affrontati sono temi di particolare interesse soprattutto per gli adolescenti, che sanno bene cosa significhi essere etichettati e inquadrati in una determinata categoria. In altre parole, “Città di carta” è un film incentrato sull’amicizia, che descrive avventure, problemi e misteri di un giovane gruppo, analizzando il tutto in un momento ben preciso della loro vita.

Attori e regia

L’attore e musicista Nat Wolff (“Colpa delle stelle”, “Palo Alto”) interpreta il personaggio di Quentin Jacobsen, mentre il ruolo di Margo è stato affidato a Cara Delevingne (“Anna Karenina”, “Kids in love”), nota anche per la sua attività nel mondo della moda. Al loro fianco Halston Sage (“The bling ring”, “Cattivi vicini”) nei panni di Lacey, Austin Abrams (“Ticking clock”, “Gangster squad”) in quelli di Ben, Justice Smith (“A young arts masterclass”, “The thundermans”) interpreta Radar e Jaz Sinclair (“When the bough breaks”) invece è Angela.

Il regista Jake Schreier ha fatto il suo esordio sul grande schermo nel 2012 con “Robot and Frank”, tratto da una sceneggiatura di Christopher Ford, ottenendo l’Alfred P. Sloan Prize in occasione del Sundance Film Festival come “Migliore lungometraggio incentrato su un tema scientifico e tecnologico”. Nato a Berkeley (California), ha diretto diversi video musicali, tra i quali figura la collaborazione con il performer Francis and the Lights. Nell’ultimo decennio si è occupato di numerose campagne pubblicitarie.

Il romanzo

“Paper Towns” è il terzo romanzo scritto da John Green (autore tra gli altri di “Colpa delle stelle”), pubblicato nel 2008 da Dutton Books e subito diventato un successo. Il libro è stato inserito dal New York Times nella classifica dei best seller dedicati ai ragazzi. La qualità della storia è certificata dai fan raccolti in tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti, in Sud America e in Europa.

Pubbliredazionale