Inizia a trapelare qualche informazione in più sull’adattamento cinematografico del fortunato videogame The Last of Us, voluto dalla stessa Sony.  Lo sceneggiatore Neil Druckmann, che è anche il game designer del gioco, è tornato sull’argomento per precisare cosa aspettarsi e cosa no.

Stando alle recenti dichiarazioni di Druckmann, ci saranno “grandi cambiamenti” rispetto al survival-game ma “il tono e quello che la storia cerca di dire saranno molto fedeli al materiale originale”.  A quanto pare la sceneggiatura è arrivata alla seconda stesura e sono già state effettuate delle letture con un gruppo di attori per valutare la bontà del tutto.

Il cast del film non è neanche lontanamente definito e molto probabilmente si parla di attori “di passaggio” per il reading dello script. Ma l’aggiunta di ulteriori e inediti personaggi potrebbe verosimilmente far parte delle differenze che ci saranno tra il videogioco e il film live-action.

Come noto, il gioco di The Last of Us propone un’avventura di sopravvivenza a sfondo post-apocalittico: genere che si presta perfettamente per il grande schermo. Il problema, in questi casi di conversioni “inverse”, potrebbe riguardare però la mancanza di freschezza. Il videogame esclusivo delle console PlayStation attinge a piene mani dal mondo del cinema, che non è quindi nuovo a storie di questo tipo.