Lite in diretta a L’aria che tira su La 7 in onda ieri mattina. Protagoniste del botta e risposta Alessandra Mussolini e Maria Teresa Meli giornalista del Corriere della Sera.

L’argomento è Mafia Capitale, la Meli pare asserire che all’interno della polizia siano alcune “mele marce” corrotte, così la Mussolini ne prende le difese: “I poliziotti si fanno spaccare la testa per 1.100 euro al mese, durante le manifestazioni vostre: non dire stupidaggini”. Su “vostre manifestazioni” la giornalista però si sente attaccata personalmente: “Non le dica lei le stupidaggini (…) Io non entro nella sua vita privata lei non entri nella mia. Cosa c’entra la mia vita privata?”.

La Mussolini allora attacca: “Mi dica cosa c’entra? Voglio sapere, davanti a tutti, cosa c’entra il mio cognome?”. La Meli a questo punto cerca di far valere le sue argomentazioni e fa riferimento al fascismo.

Aah sono onorata, Meli, attaccate” -controbatte la Mussolini. Nella discussione, a difesa della giornalista del Corriere interviene Fabio Donati, allora Alessandra Mussolini si alza e gli chiede di scambiarsi di posto per non stare più vicino alla Meli. “Sarò pure vaiassa -conclude- ma meno pure, uno schiaffone te lo butto che fa bene.” Poi dal suo labiale si scorge un “Ma vaff..”.

Ecco il video: