Già in passato Lady Gaga aveva parlato della violenza sessuale subita a 19 anni da parte di un uomo di 20 anni più grande.

Tuttavia di recente la popstar ha compiuto un ulteriore passo avanti confidando di soffrire ancora di un disturbo mentale provocato dal trauma.

La rivelazione è avvenuta durante la visita all’Ali Forney Center di New York, un rifugio per senzatetto LGBT, durante la quale la cantante ha confidato di soffrire ancora di stress post-traumatico.

L’evento è avvenuto a novembre, ma l’intervista in cui Lady Gaga si apriva al pubblico è andata in onda solo nella notte di ieri: “Non l’ho mai detto a nessuno prima, ed ora eccoci qua. La gentilezza che mi hanno mostrato i dottori e la mia famiglia e i miei amici mi hanno davvero salvato la vita”, ha rivelato la cantante.

Lady Gaga, che ha visitato a sorpresa il centro come parte della sua campagna Share Kindness, ha rivelato di usare la meditazione e la recitazione del mantra “You are brave, you are courageous” come parte della sua terapia. E ha anche dedicato una canzone – Til It Happens To You – a tutte le vittime di aggressioni sessuali.

Questi ragazzi non sono solo senzatetto o bisognosi; molti di loro sono anche sopravvissuti a traumi, sono stati respinti in un modo o nell’altro. Il trauma che ho sofferto nella mia vita mi ha aiutato a colpire il trauma degli altri. È importante ricordare ai ragazzi che soffrono a causa dell’abbandono o di esperienze traumatiche che non sono soli e che sono amati. Ci siamo dentro tutti insieme”: questo il messaggio finale che l’icona musicale ha voluto lanciare attraverso la sua iniziativa.