Grande successo  a Umbria Jazz per l’ unica tappa italiana del tour di promozione di “Cheek to Cheek”, album nato dalla collaborazione Lady Gaga e Tony Bennett. Accolti dall’ ovazione degli oltre 5.000 accorsi all’ Arena Santa Giulia, i due artisti hanno aperto l’ esclusivo show sulle note di Anything goes; giacca bianca lui, abito lungo luccicante con acconciatura biondo platino lei, che pur mettendo da parte gli eccessi, non rinuncia a qualche tocco glamour. Si prosegue con la canzone che dà il titolo al disco,  “Cheek to Cheek”, e con “They all laughed”, che i fratelli Gershwin scrissero per “Shall we dance”.

Caldi applausi accompagnano l’ esecuzione di “Heaven”, con ballo cheek to cheek garbatamente accennato tra i due. Bennett regala quindi una versione molto swing di “O sole mio” e la serata prosegue tra cambi d’ abito e la rilettura di una vera e propria antologia della canzone d’autore americana che porta le firme di Cole Porter, Irving Berlin, George Gershwin, Duke Ellington, Jerome Kern, Charlie Chaplin. Cantano in coppia, ma anche da soli, con Lady Gaga che omaggia Billy Strayhorn, braccio destro di Ellington, cantando “Lush life” nel centenario della sua nascita.

Si chiude infine con “The lady is a tramp” e “It don’t mean a thing”, veri elogio del jazz. Un pubblico molto più giovane rispetto ai soliti standard di Umbria Jazz applaude entusiasta l’ insolita coppia (89 anni per Bennett, 29 per Miss Germanotta), mentre in platea si confondono tra la folla anche i tre ragazzi de Il Volo.

Lei paragonata a Madonna, lui a Sinatra, Gaga e Bennett si sono incontrati in occasione della kermesse perugina per promuovere “Cheek to Cheek”, disco jazz rivisitato in chiave pop – vincitore di un Grammy -, dando vita ad una serata che certo il capoluogo umbro non dimenticherà per lungo tempo.