Sapori, dissapori e molte risate per La moglie del cuoco (On a failli être amies), la delicata commedia francese firmata da Anne Le Ny che arriverà nelle sale italiane italiane giovedì 16 ottobre. L’attrice, regista e sceneggiatrice celebre per le sue interpretazioni in Quasi amici e La guerra è dichiarata accetta la sfida di raccontare i sentimenti fra cinquantenni, quando tutto sembra già scritto e, invece, sorprendentemente, cambia. L’idea del film è nata da una conversazione fra Anne Le Ny e la propria assistente al montaggio che prima lavorava in un centro di formazione per adulti: solo grazie a quella esperienza umana e lavorativa, la donna ha finalmente capito che il cinema era la propria strada.

Anche una delle protagoniste di La moglie del cuoco, Marithé (Karin Viard), lavora in un istituto di formazione per adulti. Lì, aiuta le persone senza lavoro a trovare finalmente la propria vera vocazione e un impiego. Così conosce Carole (Emmanuelle Devos), moglie frustrata di un famoso e carismatico chef, Sam Drissi (Roschdy Zem), e cerca di aiutarla a emanciparsi: dopo tutta una vita passata all’ombra del marito, la sofisticata e fragilissima Carole decide di lasciare Sam. Ma le cose si complicano quando Marithé si rende conto di subire il fascino del cuoco…

La moglie del cuoco è un gioiellino di divertimento, che vanta nel cast quattro fra i più quotati attori francesi del momento. I dialoghi sono brillanti, il ritmo sostenuto, lo script intelligente; la ricetta di Anne Le Ny funziona: la regista mescola sapientemente crisi esistenziali e speranze, aggiunge a piene mani ironia, calibra le inquadrature strette sui visi dei bravi protagonisti. Passano 91 minuti deliziosi e lo spettatore è cotto a puntino. Da vedere.