Aggiornamento 20 marzo 2015 – Rita Dalla Chiesa ha smentito su Facebook di essere depressa. Queste le sue parole:

Grazie alle persone che, dopo avere letto “Chi”,mi hanno mandato in privato messaggi di affetto e solidarietà. Ora, non è che io non abbia bisogno di affetto…. Come ogni essere umano sento il bisogno di essere amata. Ma l’intervista su Chi, secondo me, è stata fraintesa da chi non mi conosce bene……Il simpatico amico Gabriele Parpiglia (ndr l’intervistatore di Chi) mi ha chiamata di sera, mentre stavo facendo una playlist ,sul pc ,delle canzoni che amo di più. Ogni tanto mi prende così…Tutte canzoni da strapparsi le vene….Sicuramente era una serata “no”. Ma non una serata ad alto tasso di depressione….grazie a Dio ho tante cose che mi rendono felice, grazie a Dio mi ritengo una donna privilegiata e fortunata, grazie a Dio il momento della delusione sul lavoro è passato. Non sono triste!!!!! Non sto soffrendo!!!!

Rita Dalla Chiesa in un’intervista al settimanale “Chi” ha parlato della depressione con cui conviverebbe da tempo:

“Negli ultimi 6 mesi non riuscivo a uscire dal letto. Vedevo tutto nero. Poi mi sono rialzata. Ho lasciato Roma, il mondo dei salotti romani, e a Milano ho ripreso a respirare”.

La signora di “Forum” continuerebbe a combattere contro la malattia, soffrendo ancora molto:

“Delusione, malinconia, groppo in gola. La sera, prima di addormentarmi, faccio a pugni con queste sensazioni. Soffro molto, lo ammetto. Scatta l’insonnia e, per farmi ancora più male, ascolto solo musica triste, canzoni di addii e d’amore”.

Rita attribuirebbe la colpa di questo malessere all’assenza prolungata dalla tv:

“Ho mandato all’aria contratti milionari, mi sono ritrovata senza lavoro dopo trent’anni. Le persone per strada mi dicono ‘Ci manchi. Quando torni?’. Ma io non so cosa rispondere. Mi manca il mio lavoro. Io sono malata di televisione e ho il coraggio di ammetterlo. Non devo metterci la faccia per forza: lavorerei anche dietro le quinte, mettendo a disposizione la mia esperienza. Lo farei. Oggi la tv mi fa rabbrividire: è sparita l’educazione, il rispetto verso il pubblico. Noto tutto questo e me ne dispiaccio”.

Ovviamente tornerebbe immediatamente negli studi televisivi, e solo adesso si pente di aver rifiutato tempo fa delle proposte lavorative:

“Non lascerei Forum e Mediaset. Il lavoro è un diritto, è ciò che ti tiene in vita. Un altro rimpianto risale a tanto tempo fa quando Fatma Ruffini mi propose un impegno a Milano e, io, invece, le risposi di no”.

Oggi la signora Dalla Chiesa spera, quindi, di tornare al più presto a lavoro, magari su Retequattro per il programma “Miracoli“, così come si nota dall’appello che lancia:

“Una con il mio cognome sarebbe perfetta”.

Fonte | Rita Dalla Chiesa su Facebook